Comune di CARSOLI (AQ)

Tracce di radon nelle Grotte di Pietrasecca. I docenti di Scienze ambientali spiegano il rapporto tra "Eventi sismici e cavità ipogee"

Immagine stemma
Immagine Comune
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Home » Canali » Notizie ed Eventi » lettura Notizie ed Eventi
Notizie ed Eventi
Grotte di Pietrasecca
Tracce di radon nelle Grotte di Pietrasecca. I docenti di Scienze ambientali spiegano il rapporto tra "Eventi sismici e cavità ipogee"
Grotte di PietraseccaLe Grotte di Pietrasecca sorgono sopra una faglia e all'interno è possibili rilevare il radon, gas naturale usato per predire il terremoto. Questo quanto emerso nell'incontro "Eventi sismici e cavità ipogee" organizzato dall'Ente gestore grotte, in collaborazione con il comune di Carsoli. Protagonisti del dibattito il professor Antonio Moretti e il professor Ferrini del Dipartimento di Scienze Ambientali dell'Università degli studi dell'Aquila. "Le Grotte di Pietrasecca fanno parte di un sistema carsico molto complesso che poggia sopra una faglia attiva.

Al di sotto delle grotte c'è un fiume attivo che parte e attraversa i tre livelli in cui è divisa la grotta, il primo dei quali è costituito dalla Grotta del Cervo, la più antica" ha spiegato il professor Moretti "All'interno delle grotte i movimenti della faglia, dovuti ai terremoti, fanno spesso muovere le stalattiti e le stalagmiti, provocando spesso anche dei crolli. A tutt'oggi non si conoscono altri esempi di movimenti simili all'interno di grotte".

La dettagliata relazione del professor Moretti ha catturato l'attenzione dei numerosi presenti interessati dalle immagini proiettate e dalla parole del geologo. "Le Grotte di Pietrasecca, trovandosi su una faglia in movimento, sarebbero perfette per lo studio dei gas attivi che risalgono dal basso" ha continuato Moretti "Ma individuare dei posti per prevedere e studiare le risalite dei gas, ammesso che provengano dal fondo, comporta anni e anni di studi e poi servirebbero molti soldi". All'incontro, tenutosi nella sala consiliare del comune di Carsoli, hanno partecipato, oltre ai docenti del dipartimento di scienze ambientali, il sindaco di Carsoli Mario Mazzetti, il presidente dell'ente grotte Beniamino Adduci Colle, gli amministratori comunali e gran parte della popolazione di Carsoli, tra cui molti giovani. "Secondo i giapponesi il pesce gatto è l'animale che percepisce di più l'arrivo del terremoto. Stando così le cose tutti ne dovremmo avere uno in casa" ha affermato il professor Ferrini "Quello che usiamo noi è un sistema scientifico: raccogliamo tutto il materiale fotografico e gli studi che abbiamo condotto e lo inviamo a qualche rivista specializzata per la pubblicazione".

L'attenzione dei relatori e dei presenti si è automaticamente spostata da Carsoli all'Aquila. I relatori infatti hanno spiegato i problemi segnalati anni fa per la costruzione in città di interi quartieri edificati sulle faglie oggi distrutti. "Per le faglie dell'Aquila avevamo fatto la stessa cosa, ma nessuno ne ha tenuto conto e ci hanno costruito sopra un intero quartiere" ha sottolineato Ferrini "In questo periodo in cui la ricerca ancora non ha messo a punto un metodo per capire come prevedere i terremoti va curata la prevenzione e vanno studiate delle strutture idonee da edificare nelle zone a rischio. Quando si edifica una casa è importante conoscere la stratigrafia del terreno dove si va a costruire". I dubbi e le perplessità nutrite dai presenti li hanno portati a rivolgere ai docenti numerose domande, alcune anche tecniche. Il professor Moretti, rispondendo alla domanda di una giovane che ha chiesto come mai l'Università dell'Aquila non è mai stata coinvolta in nessun studio, ha spiegato che "Il dipartimento di scienze ambientali è stato convocato dalla commissione grandi rischi dopo la scossa di magnitudo 4.0 precedente a quella del 6 aprile. Il comune dell'Aquila voleva che noi partecipassimo come studiosi, invece la Protezione Civile e il Prefetto hanno preferito convocarci solo per l'ordine pubblico. In quei giorni la cosa più importante era smentire l'allarmismo nato dalle dichiarazioni di Giuliani". "L'Università è stata posta in secondo piano e non solo prima del terremoto" ha continuato Ferrini "A pochi giorni dal sisma i nostri studenti hanno ricevuto degli sms da Università private che gli offrivano il passaggio nelle loro sedi con la possibilità di conservare esami e votazioni. Questo è sciacallaggio". Rispondendo poi ad altri interrogativi posti dall'assemblea i docenti hanno tenuto a precisare che non si devono prendere per veritieri i molti luoghi comuni messi in circolazione in questo periodo sul terremoto.

I due docenti poi si sono recati con un gruppo di studenti all'interno delle spelonche di Pietrasecca per verificare se il sisma del 6 aprile scorso aveva provocato dei danni. Niente invece è stato trovato e i due docenti di geologia lo hanno spiegato in questi termini. "I crolli interni alle Grotte possono verificarsi solo se ci sono dei terremoti catastrofici" hanno dichiarato i professori "Le lesioni interne rilevate sono da attribuire a sismi passati, probabilmente gli ultimi del 1700". Nella visita all'interno delle spelonche di Pietrasecca il professor Moretti ha rilevato, con un piccolo strumento, il radon.

Eleonora Berardinetti
Pubblicata lun 04 mag, 2009

Condividi questo contenuto

Privacy :: Note Legali :: Accessibilità :: Elenco Siti Tematici :: URP

Il portale del Comune di CARSOLI (AQ)  è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE
Comune di CARSOLI (AQ) - Piazza della Libertà 1 -  Tel. centralino 0863.9081 - PEC comune.carsoli@pec.it - Codice Fiscale 00217280668

- Inizio della pagina -
Sito conforme W3C Css 2.0 Sito conforme W3C XHTML 1.0 Sito realizzato con tecnologia php Base dati su MySql
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per analisi e servizi di condivisione sui social network . Ok Informativa completa
Il progetto Comune di CARSOLI (AQ) è sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A.